Nido calabroni: come risolvere?

Con l’arrivo dell’estate iniziano a spuntare numerose specie di insetti, tra queste quella più temuta e dalle dimensioni più grandi è il calabrone. Si tratta infatti di un insetto abbastanza pericoloso poiché tende a creare i nidi vicino alle case e agli edifici, rivelandosi anche una minaccia per chi possiede case in campagna o al mare ma anche in prossimità di aree pubbliche e urbane, dove viene messa a rischio la salute dei cittadini e dei dipendenti.

L’habitat naturale di questi insetti pungitori è solitamente la campagna o i boschi. In Italia il calabrone è una specie molto attiva e rappresenta un pericolo in ambito sanitario. Sbarazzarsi di questo infestante infatti può essere molto pericoloso e difficile: nel momento in cui i calabroni avvertono una minaccia possono provocare delle punture ripetitive e dolorose, iniettando una sostanza velenosa che a sua volta può sfociare in reazioni allergiche anche gravi.

Dunque cosa fare se ci si imbatte in un nido di calabroni? A chi rivolgersi? Ecco tutte le informazioni utili per risolvere questo problema in modo giusto ed efficace.

Calabroni: specie e abitudini

I calabroni, in particolare il calabrone asiatico, sono predatori naturali delle api, per questo motivo rappresentano un pericolo per l’apicoltura.

Questi infestanti formano i loro nidi sfruttando la saliva che contiene una sorta di cellulosa ricavata dal nutrimento del legno e di fibre vegetali. In questo modo impasta, incolla e crea la struttura del nido che può anche superare i 90 cm di diametro e arrivare a contenere più di 400 esemplari.

Vedi anche  Trappole per topi: sistemi di allontanamento roditori e metodi di disinfestazione

I nidi sono inoltre caratterizzati da una protezione esterna che permette creare il rifugio perfetto per resistere agli agenti atmosferici e favorisce lo sviluppo delle uova e delle larve.

Nidi calabroni: dove vengono costruiti?Nido calabroni- come risolvere

I nidi dei calabroni, molto spesso, possono trovarsi in luoghi molto scomodi e pericolosi per le persone. Questo aspetto può richiedere infatti delle rimozioni immediate. La regina nella maggior parte dei casi posiziona il nido in posti complessi come crepe dei muri, solai, cavità sugli alberi, case degli uccelli, granai, sottotetti oppure i cassonetti delle tapparelle. A questo punto se ci si ritrova un nido di calabroni in casa è bene essere informati sulle corrette modalità di intervento onde evitare tutti i possibili rischi per la salute.

Nido calabroni: come risolvere?

La soluzione ideale per eliminare un nido di calabroni è innanzitutto effettuare un accurato sopralluogo per analizzare attentamente l’infestazione. Bisogna in primo luogo tenere sott’occhio gli esemplari, soprattutto con l’arrivo della primavera quando iniziano ad essere più attivi rispettando tutti i sistemi di sicurezza che consistono nell’utilizzo di specifici macchinari anticaduta e di protezione.

Occorre poi controllare l’eventuale presenza di crepe nei muri e provvedere ad una corretta chiusura al fine di prevenire una futura infestazione. Per mettere in atto una disinfestazione calabroni efficace, si procede con l’uccisione degli esemplari distribuendo dei biocidi autorizzati dal Ministero della Salute.

Sia chiaro però che un intervento di questo tipo deve essere assolutamente eseguito da mani esperte affidandosi ad una ditta specializzata in disinfestazione poiché questo infestante, sentendosi minacciato, potrebbe anche infliggere delle punture a tutti coloro che si trovano nelle vicinanze, rappresentando quindi un serio pericolo per passanti, bambini o animali domestici.

Vedi anche  Disinfestazione casa: come funziona?

I professionisti del settore, una volta valutata la gravità dell’infestazione, sceglieranno se affiancarsi al nido con l’uso di una piattaforma elevatrice, in particolare nelle prime ore della mattina, quando i calabroni sono meno attivi.

A questo punto, alla fine dell’intervento, bisogna rimuovere il nido e sigillare eventuali fessure con del cemento o ulteriori sistemi specifici per prevenire una futura creazione di un nuovo nido.

Tra gli altri suggerimenti è previsto quello di ridurre l’attività predatoria di questo infestante nei confronti delle api, sfruttando delle trappole specifiche ad imbuto dotate di sostanze zuccherine che attirano i calabroni.

I calabroni sono una specie protetta?

Alcuni insetti, come ad esempio le api, sono una specie protetta poiché sono fondamentali per l’ecosistema. Per questo motivo è bene prendere in considerazione che i calabroni, in alcune parti del mondo come ad esempio in Germania, sono una specie protetta. Occorre essere ben informati infatti che schiacciare un esemplare di questa specie scatena un segnale di natura chimica per gli altri membri della colonia che potrebbero reagire in modo davvero brusco. Ecco perché in presenza di calabroni è consigliabile agire con molta cautela secondo le giuste normative e mai schiacciarli in modo diretto soprattutto in spazi all’aperto onde evitare che l’intera colonia possa ribellarsi e reagire.

Il metodo migliore per eliminare un nido di calabroni è affidarsi ad un’azienda di disinfestazioni specializzata in numerose tecniche di disinfestazione insetti al fine di soddisfare tutte le aspettative dei clienti e fornire tutte le informazioni utili anche a scopo preventivo.

Nido calabroni: come risolvere?
Summary
Nido calabroni: come risolvere?
Article Name
Nido calabroni: come risolvere?
Description
Nido calabroni: come risolvere?Con l'arrivo dell'estate iniziano a spuntare numerose specie di insetti, tra queste quella più temuta e dalle dimensioni più grandi è il calabrone.
 
 
CHIAMA SUBITO 329 4123170
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno 329 4123170